Federica Angeli al Pride Village

Intervistata da Francesco Lepore, caporedattore di Gaynews la giornalista Federica Angeli racconterà la sua storia, fatta di un susseguirsi di colpi di scena, paure, a tratti disperazione e momenti di solitudine.

Giovedì 5 luglio il Padova Pride Village, il più grande Festival LGBT del Nord Italia in corso alla Fiera di Padova fino al 15 settembre, avrà il piacere di ospitare Federica Angeli, cronista di nera per Repubblica per la presentazione del suo libro “A mano disarmata” (Baldini + Castoldi, 2018).

Due spari nella notte, le finestre che si aprono e subito dopo un grido: «Tutti dentro, lo spettacolo è finito!» Siamo a Ostia, nel 2013, e tra gli abitanti di quei palazzi c’è anche Federica Angeli, cronista di nera per le pagine romane di «la Repubblica», che in quella periferia è nata e cresciuta. Da tempo si occupa dei clan locali e ha subìto gravi minacce. Sa quindi come è fatta la paura, ma crede che l’altra faccia della paura sia il coraggio. Se i vicini rientrano obbedienti al comando del boss, lei decide di denunciare ciò che ha visto. Dal giorno dopo la sua vita è stravolta: per la sua incolumità le è assegnata una scorta, eppure nessuna intimidazione fa vacillare la sua fede in un noi con cui condividere la lotta per la legalità. La storia giudiziaria di cui è protagonista fino alle più recenti sentenze ci parla di una possibile seppur faticosa vittoria, confermando che tutti insieme possiamo alzare la testa e cambiare in meglio.

Federica Angeli al Pride Village presenta “A mano disarmata”

«Chi sta dalla parte giusta non perde mai. Chi ha scelto di sfidare a viso aperto la mafia la testa non la chinerà mai. Perché sulla bilancia alla sera ci si sale da soli, con la propria coscienza, ed è a lei che si risponde».

Federica Angeli ha ottenuto questa vittoria con l’unica arma che possiede, la penna, e in queste pagine ci racconta le tappe di una vera e propria sfida alla malavita, nel solco di un giornalismo nobile, illuminato di etica civile, che non compiace mai null’altro che la verità, con una coerenza a tratti severa.

Intervistata da Francesco Lepore, caporedattore di Gaynews, la giornalista ripercorrerà la sua storia, fatta di un susseguirsi di colpi di scena, paure, a tratti disperazione e momenti di solitudine. Una testimonianza puntuale, incalzante, senza respiro che non dimentica mai la sua dimensione di donna, di madre e di moglie contesa alla serenità famigliare. Una serenità che, ispirata dalla Vita è bella di Benigni, Federica Angeli riesce magicamente a preservare, coinvolgendo i figli in un gioco alla guerra.

I diritti del libro sono stati acquistati dal regista Claudio Bonivento che trasformerà l’incredibile storia di Federica Angeli in un film.

ingresso gratuito tra le 19:30 e le 2:00

Per informazioni
www.padovapridevillage.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.