RestaurAntonio

La Veneranda Arca di S. Antonio lancia l’iniziativa “restaurAntonio” per mantenere vivo l’interesse di tutti sul prezioso e talvolta fragile caleidoscopio di emergenze artistiche che è la basilica di Sant’Antonio. In collaborazione con LoveItaly prende il via la prima campagna di crowdfunding per restaurare l’antica figura di sant’Antonio, realizzata nella prima metà del XIV secolo, collocata su uno dei pilastri di controfacciata della Basilica.

L’Affresco di S Antonio in attesa di restauro

Un patrimonio artistico straordinario e articolato, una stratificazione plurisecolare di testimonianze d’arte e di fede che si fonde in un complesso unico al mondo. La Basilica del Santo è un luogo dove vivere un’esperienza immersiva di bellezza e spiritualità, dove il messaggio di fede è amplificato da un ensemble di forme e colori che annovera capolavori assoluti della storia dell’arte.

Un crogiolo così fitto di eccezionali testimonianze e forme diverse d’arte richiede un impegno straordinario per la sua protezione e salvaguardia, affinché ogni tassello di questo variegato mosaico di stili, tecniche e materiali riceva l’attenzione che gli è dovuta.

Un’opera particolarmente bisognosa d’indagine e restauro è l’antica figura di sant’Antonio collocata su uno dei pilastri di controfacciata, e parte di una serie di tre santi (in origine quattro: oltre ad Antonio vi sono Ludovico, Lucia e forse un tempo Francesco) realizzata nella prima metà del XIV secolo. Sant’Antonio è ritratto a grandezza poco inferiore al naturale, quasi fosse fisicamente presente, e con gesto benedicente a sottolineare l’aspetto di interazione tra la figura dipinta e il fedele che vi si avvicinava; regge col braccio sinistro un libro, simbolo della propria dottrina. L’affresco, una delle più antiche immagini del Santo nella chiesa antoniana, accoglie visitatori e pellegrini che varcano la soglia della Basilica, e indica a coloro che si dirigono verso la tomba di Antonio quel modello di vita proposto nel Vangelo e ribadito da san Francesco, fondatore dell’Ordine dei Minori.

Questo dipinto, così bisognoso di restauri, è stato scelto per inaugurare una collaborazione con il progetto LoveItaly, un’iniziativa no-profit che attraverso lo strumento del crowdfunding raccoglie risorse da destinare alla protezione e al restauro del patrimonio artistico italiano. LoveItaly è più che una semplice campagna di raccolta fondi: nato dalla società LVenture Group, rivolta alle innovazioni nel settore digitale e alle startup, è un progetto che si propone di sensibilizzare una platea sempre più vasta all’importanza del restauro e alla partecipazione diretta ad attività di tutela, anche attraverso il piccolo finanziamento.

«In un contesto in cui si moltiplicano le opere bisognose di restauro – dichiara l’Avv. Emanuele Tessari, Presidente Capo della Veneranda Arca di S. Antonio –  non si può che guardare con piacere e fiducia a iniziative che coinvolgano in maniera attiva un numero crescente di persone nelle attività di tutela del patrimonio storico e artistico. L’intento è superare il semplice meccanismo di raccolta fondi, e innescare un processo che crei consapevolezza e inviti tutti gli attori coinvolti nella tutela della Basilica, ma prima di tutto i cittadini, i visitatori, i fedeli a seguire le campagne di studio e di restauro, a rimanere aggiornati su ciò che la loro offerta contribuisce a fare. Inoltre, lo strumento del crowdfunding fa sì che ogni contributo sia importante, e la forza del web mette chiunque, anche chi si trova a grande distanza dall’opera, di diventare un “Angel” dell’arte».

La campagna di raccolta fondi durerà fino al 17 ottobre 2018. Ogni donazione riceverà un riconoscimento e verrà ricambiata con attività o degli omaggi legati all’affresco e alla Basilica, dal ringraziamento pubblico sul web, fino all’iscrizione del nome nella targa dei donatori, dai biglietti dei Musei Antoniani fino a visite riservate alle parti generalmente non accessibili della Basilica del Santo.

Con questo progetto la Veneranda Arca del Santo lancia l’iniziativa “restaurAntonio” per mantenere vivo l’interesse di tutti sul prezioso e talvolta fragile caleidoscopio di emergenze artistiche che è la Basilica di Sant’Antonio.

Le donazioni saranno raccolte attraverso il portale web www.loveitaly.org

Per informazioni
Veneranda Arca di S. Antonio
arcadisantantonio@gmail.com
www. arcadelsanto.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.