Arte e tecnologia per i tesori del Santo

La basilica di Sant’Antonio a Padova, già in sé contenitore architettonico di pregio e fascino straordinario, custodisce opere d’arte di valore primario numerose e di rilievo. In particolare, sono tre secoli, il Trecento, il Quattrocento e il Cinquecento, ad aver lasciato le realizzazioni più memorabili nella chiesa.

Tre secoli di opere straordinarie

Opere straordinarie, la cui realizzazione ha riunito insieme eccellenze in pittura, in scultura, in decorazione applicata all’architettura, di artisti quali Andriolo de’ Santi, Altichiero da Zevio, Jacopo Avanzi, Donatello, Bartolomeo Bellano, Andrea Riccio, Tullio e Antonio Lombardo, Sansovino, Danese Cattaneo, Falconetto.

La nuova luce dell’Oratorio di San Giorgio

La recente iscrizione dei cicli di affreschi trecenteschi di Padova nella World Heritage List dell’Unesco, quattro dei quali custoditi nella complesso antoniano, e la strada comune percorsa con il Comune di Padova e gli altri enti proprietari dei beni nel corso della candidatura già nel 2011, aveva portato la Veneranda Arca, insieme al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e di iGuzzini, sponsor tecnico per l’illuminazione, alla realizzazione del nuovo sistema illuminotecnico dell’Oratorio di San Giorgio, permettendo di cogliere con pienezza la qualità della pittura e la comprensione dell’artista.

Una rivalutazione complessiva del modo di vedere l’interno del Santo

Il risultato ottenuto ha convinto la Veneranda Arca di S. Antonio e i partner coinvolti, a proseguire ulteriormente nella valorizzazione del patrimonio artistico della basilica impegnandoli nell’ambizioso progetto di dare una rivalutazione complessiva del modo di vedere l’interno del Santo, che oggi è giunto a compimento.

L’innovativo sistema di illuminazione, realizzato con apparecchi iGuzzini

L’innovativo sistema di illuminazione, realizzato con apparecchi iGuzzini ad altissima resa cromatica e minimo ingombro visivo, in grado di rispondere alle diverse sfide illuminotecniche presenti, è stato progettato dall’Architetto Antonio Stevan, sotto la direzione e il coordinamento dell’Architetto Antonio Susani, Presidente della Veneranda Arca di S. Antonio e delegato alle opere di manutenzione e restauro del complesso Antoniano.

Nuova visibilità per i straordinari tesori Unesco

Acquistano così nuova visibilità la cappella del Beato Luca Belludi, con gli affreschi di Giusto de’ Menabuoi, la cappella di San Giacomo affrescata da Altichiero e Jacopo Avanzi, riconosciuti patrimonio Unesco, il presbiterio, con i bronzi di Donatello, Bartolomeo Bellano e Andrea Riccio, e la cinquecentesca cappella dell’Arca, vero scrigno cinquecentesco in bianco e oro che custodisce il corpo del Santo.

Un impegno che è di tutta la città di Padova

«Il risultato ottenuto è una stupefacente rivalutazione complessiva del modo di vedere l’interno della chiesa, di percorrerla, di sostare per fede e per amore della bellezza davanti ai suoi tanti capolavori. – dichiara l’Avv. Emanuele Tessari, Presidente Capo della Veneranda Arca di S. Antonio – Grazie all’importante sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e di iGuzzini, azienda leader nel settore dell’illuminazione architetturale, siamo riusciti a portare a compimento un progetto ambizioso, seguendo anche la via che l’Unesco ci indica, ossia la valorizzazione dei beni ora riconosciuti come patrimonio universale. Un impegno, che è della città tutta, nel tenere alta l’attenzione su questo insieme di eccellenza».

Un bene di inestimabile valore storico-artistico religioso e simbolico

«Questo intervento amplifica la preziosità artistica e architettonica della già splendida Basilica del Santo. Siamo orgogliosi e onorati di aver potuto contribuire alla sua valorizzazione, oggi e in passato, consapevoli che si tratta di un bene dall’inestimabile valore storico-artistico, religioso e simbolico che va preservato anche per le generazioni future» – aggiunge Gilberto Muraro, Presidente di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

L’incontro tra arte e tecnologia della luce

Così Cristiano Venturini, CEO di iGuzzini Illuminazione: «Dare nuova luce ai capolavori dell’arte, così come è stato per il ricco apparato decorativo della Basilica, è un impegno entusiasmante che prendiamo particolarmente a cuore perché significa dare nuova vita a un patrimonio sociale inestimabile. Riteniamo che l’incontro tra arte e tecnologia della luce sia una straordinaria opportunità per offrire alle persone una vita migliore, in cui la bellezza ricopra un ruolo sempre più importante».

Per informazioni
Veneranda Arca di S. Antonio
arcadisantantonio@gmail.com
www.arcadelsanto.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: