fbpx

Gemello digitale per San Giorgio

Dopo aver dato nuova luce, grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e di Iguzzini, agli affreschi di Altichiero da Zevio, inseriti dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità, la Veneranda Arca di S. Antonio punta ora, grazie alle nuove tecnologie, alla realizzazione di un modello digitale dell’oratorio di San Giorgio, situato in piazza del Santo a Padova che riprodurrà fedelmente tutte le informazioni dell’edificio fatto edificare nel 1377 dal marchese Raimondino dei Lupi di Soragna.

Il digital twin rappresenterà l’edificio storico in ogni suo elemento

Il gemello digitale o digital twin, grazie alla messa a disposizione delle competenze e metodologie di Geomapping 3D ad alta precisione dell’azienda di Conselve (PD) Geolander.it, rappresenterà l’edificio storico in ogni suo elemento, dando la possibilità di fruire nel tempo dei dati raccolti in modo da mantenere immutata la sua identità originaria anche durante futuri ed eventuali lavori di restauro.

Uno strumento prezioso di conservazione e studio

«La realizzazione del gemello digitale – dichiara Emanuele Tessari, Presidente Capo La Veneranda Arca di S. Antonio – rientra pienamente in quelli che sono gli obbiettivi statutari della Veneranda Arca fin dalla sua istituzione nel 1396, ossia la tutela e la valorizzazione il patrimonio architettonico, storico e culturale del complesso antoniano.

La realizzazione del modello digitale dell’oratorio di San Giorgio non solo fornirà un prezioso strumento di conservazione e studio dell’edificio, mettendo a disposizione di esperti, studiosi e ricercatori i dati georeferenziati del bene, ma sarà anche un importante strumento per la sua promozione e valorizzazione, consentendo ai visitatori virtuali di entrare al suo interno e goderne della sua magnifica bellezza. Non possiamo dunque che ringraziare Geolander.it, azienda d’eccellenza nel settore, per aver voluto non solo partecipare, ma anche diventare main sponsor di questa iniziativa».

Fotogrammetria digitale ad alta definizione e rilevazione laser scanner

Il lavoro messo in atto prevede una prima fase di rilievo, che vedrà l’utilizzo delle moderne tecnologie della fotogrammetria digitale ad alta definizione e della rilevazione laser scanner, dalle quali saranno ricavate le cosiddette nuvole di punti. A partire dall’elaborazione e fusione dei dati raccolti verrà poi ricostruito digitalmente l’edificio, arrivando alla realizzazione del modello digitale gemello nella sua interezza.

Il progetto rientra nelle azioni promosse nell’ambito del comitato di pilotaggio che presiede, sotto l’egida del Comune e la partecipazione degli enti proprietari, la gestione dei siti affrescati del Trecento, ora inseriti nella World Heritage List, e va pienamente nel senso delle raccomandazioni dell’organismo internazionale, per una conservazione e una valorizzazione attenta dei beni ora riconosciuti patrimonio dell’umanità, come è appunto l’oratorio di San Giorgio.

Oratorio-di-San-Giorgio-Padova-Affreschi-Altichiero-da-Zevio-2
L’oratorio di San Giorgio

Una cappella degli Scrovegni all’altra estremità del trecento

L’Oratorio di San Giorgio, affacciato sul Sagrato della Basilica, costituisce una “cappella degli Scrovegni all’altra estremità del Trecento” e documenta, in modo assolutamente eccellente, l’impatto della pittura di Giotto a Padova e nel secolo dei Carraresi, considerato che committente dell’opera, i cui lavori di edificazione iniziarono nel 1377, fu un personaggio come Raimondino Lupi di Soragna che fu guerriero e diplomatico al servizio della Signoria padovana.

Gli affreschi di Altichiero da Zevio

La decorazione pittorica, affidata ad Altichiero da Zevio, che la portò a termine nel 1384, ha un punto di riferimento ineludibile nell’impresa giottesca della cappella Scrovegni e come questa culmina in un cielo stellato su cui campeggiano clipei raffiguranti personaggi sacri. In controfacciata sono dipinti episodi della vita di Cristo che fronteggiano, nella parete di fondo, la Crocifissione e l’Incoronazione della Vergine. Sulle pareti lunghe si svolgono episodi della storia di san Giorgio, di santa Caterina d’Alessandria, e di santa Lucia.

Nella parete sinistra, inoltre, ampio spazio è dato alla scena votiva in cui Rinaldino Lupi e la consorte Matilde, genitori del committente, seguiti da altri esponenti della famiglia in vesti militari, si inginocchiano alla Vergine, introdotti da san Giorgio e al cospetto di numerosi santi. Al centro dell’oratorio si ergeva la complessa struttura architettonico-scultorea dell’arca funebre del fondatore, di cui si conserva ancora il sepolcro lapideo. Riportati alla luce nel 1837, gli affreschi sono stati oggetti di un importante restauro tra 1995 e 1997.

Oratorio-di-San-Giorgio-Padova-Affreschi-Altichiero-da-Zevio-3-ph-Antonio-Bortolami
L’oratorio di San Giorgio

Un sistema di illuminazione innovativo

I preziosi affreschi oggi hanno ripreso vita grazie all’installazione di un sistema di illuminazione innovativo, promosso dalla Veneranda Arca di S. Antonio con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e di iGuzzini illuminazione Spa, azienda leader nel settore dell’illuminazione architetturale. Il restauro percettivo che la nuova illuminazione ha realizzato permette una leggibilità inedita degli affreschi, che ora manifestano la piena padronanza del pittore nella realizzazione di ampi spazi tridimensionali, popolati di architetture reali e personaggi storicizzati, simulando nuovi spazi illusionistici, sviluppando ulteriormente in tal senso la lezione giottesca dell’inizio del Trecento.

Per informazioni
Veneranda Arca di S. Antonio
arcadisantantonio@gmail.com
www.arcadelsanto.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: